INDICAZIONI INTERPRETATIVE DELL’ANAC DOPO L’ENTRATA IN VIGORE DEL D.lgs. 50/2016

di | 29 Agosto 2016

Nelle more dell’adozione delle Linee guida da parte dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, necessarie alla completa attuazione del nuovo Codice dei Contratti, pubblicato in G.U. il 19 aprile 2016, alcune Società Organismo di Attestazione (SOA), tra cui la scrivente, hanno evidenziato all’ANAC diverse problematiche connesse al sistema di qualificazione.

Tra le varie è stata rappresentata la grossa criticità derivante dall’abrogazione della previsione contenuta all’art. 253, comma 9-bis, d.lgs. 163/2006 che consentiva alle imprese richiedenti l’attestazione di utilizzare, ai fini della dimostrazione dei requisiti d’ordine speciale, l’arco temporale decennale, anziché quello quinquennale.

Alla luce di ciò l’ANAC, con comunicato del 3 agosto 2016, ha emanato alcune indicazioni interpretative a seguito dell’entrata in vigore del nuovo codice.

In particolare, il Consiglio ha ritenuto che le imprese, nel caso di variazioni dell’attestazione originaria, conseguita sulla base di un contratto sottoscritto con la SOA prima dell’entrata in vigore del nuovo Codice d.lgs. 50/2016, possano usufruire ancora del cosiddetto “bonus decennale” ma solo per le lavorazioni svolte nel decennio antecedente la stipula del medesimo contratto di attestazione;

In altri termini, l’impresa che ha necessità di integrare un Attestato SOA rilasciato con requisiti valutati sulla base dell’ultimo decennio, potrà integrare categorie e/o classifiche utilizzando lo stesso arco temporale che ha consentito il rilascio dell’attestazione originaria.

A titolo di esempio:

  • contratto di qualificazione originario stipulato dall’impresa: marzo 2016;
  • attestato rilasciato: maggio 2016;
  • periodo di riferimento utilizzato per la dimostrazione dei requisiti: dal marzo 2006 al marzo 2016;

Pertanto, l’impresa che sottoscrive un nuovo contratto di variazione volto all’integrazione e/o incremento di categorie e/o classifiche può utilizzare l’arco temporale marzo 2006 / marzo 2016.

 

Inoltre, per completezza, facciamo presente che il comunicato (disponibile al seguente link: http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/AttiDellAutorita/_Atto?ca=6551) ha fornito indicazioni anche sui seguenti argomenti:

  • avvalimento nel sistema unico di qualificazione art. 88 del d.p.r. 207/2010;
  • lavorazioni ricadenti nelle cosiddette categorie variate;
  • dimostrazione dei requisiti dell’idonea direzione tecnica.

 

Per ogni eventuale chiarimento non esitate a contattarci